Come tenere i tuoi figli al sicuro online: guida per genitori

Holding a glass ball in a hand, inside of it is a kid with a  smartphone

Dalle sue modeste origini negli anni ’70, internet è cresciuto fino a diventare uno dei più colossali depositi di informazioni al mondo e un indispensabile strumento di comunicazione globale. 3,5 miliardi di persone hanno accesso a internet in tutto il mondo. E ciò significa che ogni anno il 45% della popolazione mondiale naviga regolarmente sul web.

L’accesso mobile a internet ha prodotto un aumento massiccio del numero degli utenti di internet, fino a raggiungere una diffusione dell’89% nel Nord America durante il 2017.

Internet è uno strumento meraviglioso e con molti utilizzi, dall’educazione all’intrattenimento. Ma ha anche un lato oscuro — specialmente per i bambini e i giovani adulti.

Keylogger HackerOltre 45 milioni di bambini tra i dieci e i diciassette anni usa regolarmente internet, e uno su cinque di questi bambini è stato adescato sessualmente. Circa il 60% degli adolescenti ha ricevuto una qualche forma di contatto da uno sconosciuto, e la metà ha risposto ai messaggi. Il crimine informatico è tra i tipi di reato più in crescita, e i criminali informatici tendono a essere sempre più giovani.

Internet poi riserva altri pericoli oltre a pedofili e criminali. Anche se permette di comunicare con persone in tutto il mondo, altrettanto facilmente può essere usato per prendere di mira qualcuno tramite messaggi e social media. Circa il 15% dei bambini sotto i 15 anni è stato esposto a qualche forma di cyberbullismo.

Fortunatamente ci sono una serie di opzioni che consentono ai genitori di proteggere i loro figli, lasciandoli comunque liberi di usare internet.

In questo articolo, esamineremo le minacce più comuni per i bambini su internet e vedremo come combatterle. Elencheremo una serie di regole che possono aiutare i genitori ad aumentare la sicurezza dei figli online; e illustreremo anche come adattare queste regole alle varie fasce di età dei ragazzi. Infine, faremo una panoramica degli strumenti di parental control disponibili per supervisionare le attività dei bambini online.


Quali sono i pericoli?

Il modo migliore per salvaguardare tuo figlio dai più comuni pericoli di internet è sapere a cosa fare attenzione. Come dice il vecchio detto, “uomo avvisato mezzo salvato”. Perciò in questa sezione esamineremo alcuni dei pericoli più comuni in cui tuo figlio potrebbe imbattersi online.


Contenuti inappropriati

Internet è un luogo pieno di ogni genere di contenuti, e questo lo rende una risorsa eccellente per i bambini che vogliono imparare. Tuttavia, è proprio l’enorme quantità di contenuti presenti a rendere difficile impedire che i bambini accedano a contenuti inappropriati.

Tra i bambini che usano internet, uno su quattro è stato esposto a materiali pornografici indesiderati. E anche la più innocua ricerca su Google può portare a siti web che promuovono il razzismo, la radicalizzazione religiosa, o addirittura istigano alla violenza o al suicidio.


Predatori sessuali

È un fatto triste che un bambino su cinque tra quelli che frequentano internet sia stato adescato sessualmente. Come società, siamo più interconnessi che mai e i social media basati su internet favoriscono i contatti tra le persone. Il rovescio della medaglia però è che internet può portare i bambini in contatto con i predatori.

Le piattaforme di social media come Twitter e Facebook filtrano i contenuti o i messaggi inappropriati rivolti ai bambini. Ma il fatto è che non tutto ciò che è nocivo può essere intercettato. Ad esempio, molti predatori sessuali usano Reddit. Ecco perché è importante informarsi su quanto sia sicuro Reddit per i bambini e i ragazzi.

Le chat room e le app di messaggistica senza restrizioni, come WhatsApp, sono molto più difficili da regolamentare. Come abbiamo detto prima, il 60% degli adolescenti ha ricevuto una qualche forma di comunicazione da uno sconosciuto. E poco più della metà ha risposto a questi messaggi.


Cyberbullismo

Un sondaggio del 2017 ha indicato che circa il 15% dei bambini sotto i 15 anni è stato esposto a qualche forma di cyberbullismo. Per fare un paragone, il bullismo fisico colpisce circa il 20% dei bambini in età scolare negli Stati Uniti. Questo significa che il cyberbullismo è cresciuto fino a diventare un problema di entità pressoché equiparabile al bullismo fisico.

Una delle ragioni per cui il cyberbullismo cresce è l’anonimato garantito da internet. Nascondendosi dietro l’anonimato, i ragazzi dicono e fanno cose che di persona non avrebbero il coraggio di dire e di fare. Il cyberbullismo può anche essere difficile da individuare, poiché i bambini e i giovani adulti sono spesso riservati sui loro profili di social media e sul contenuto delle loro app di messaggistica.

Leggi il nostro articolo completo sul cyberbullismo per sapere in che modo i genitori possono fermare e prevenire queste situazioni.


Crimine informatico

Il crimine informatico è il settore criminale più in rapida crescita negli Stati Uniti. E purtroppo i più colpiti sono i bambini. Del resto i bambini e i giovani adulti sono molto più vulnerabili a essere manipolati e indotti a scaricare software dannosi o a fornire dettagli personali per gli attacchi di phishing.


Un divieto generalizzato è una cattiva idea

Dati gli enormi pericoli a cui è esposto un bambino che ha accesso illimitato a internet, può sembrare una buona idea vietare internet a tuo figlio. Tuttavia, questa non è l’opzione migliore. Vediamo i motivi:

  • Internet è ovunque – Tagliare completamente fuori tuo figlio da internet è difficile o addirittura impossibile. In Europa e nel Nord America, il 95% delle scuole offre l’accesso a internet. Inoltre la diffusione di internet mobile raggiunge universalmente l’80-90%, nella maggior parte dei paesi sviluppati. Una vasta gamma di dispositivi, dalle console di gioco agli smartwatch, richiede la connessione a internet per funzionare correttamente.

Tagliare fuori tuo figlio da internet quando il web è una parte così grande della società moderna può rivelarsi più difficile di quanto pensi. E anche se lo fai, potrebbe risultare una mossa inefficace.

Molti studi hanno dimostrato che la formazione è il metodo migliore per proteggere i bambini online. Un divieto generalizzato invece li lascia nell’ignoranza, e quindi vulnerabili, in balia dei potenziali pericoli online.

  • Internet ha benefici significativi – Limitare l’uso di internet ai tuoi figli può apparirti pratico, ma impedisce ai ragazzi di beneficiare dei grandi vantaggi dell’accesso al web. Se non altro, internet è un eccellente strumento formativo che permette ai ragazzi di imparare qualsiasi argomento.

Le regole di base della sicurezza su internet

Se stai cercando un modo per permettere a tuo figlio di usare internet e allo stesso tempo tenerlo al sicuro dai suoi pericoli comuni, allora ci sono dei passaggi che puoi compiere.

Anche se non tutte le soluzioni saranno applicabili a ogni situazione, ci sono alcune regole di base che puoi mettere in atto per migliorare la sicurezza online dei tuoi figli senza limitare significativamente il loro accesso a contenuti appropriati.


Tieniti informato

Il modo migliore per determinare se tuo figlio è coinvolto o esposto a comunicazioni o contenuti inappropriati è tenerti informato su come funzionano i computer e su come viene comunemente usato internet.

Non preoccuparti se questo suona un po’ scoraggiante, la tecnologia è in continua evoluzione, e fortunatamente ci sono in circolazione un numero considerevole di risorse che possono aiutarti a ottenere le informazioni di cui hai bisogno.


Informa tuo figlio

Uno dei fattori che viene spesso trascurato quando si considera la sicurezza su internet dei bambini è quanto sia importante coinvolgere i bambini nella conversazione. Viviamo in un mondo in cui anche i bambini più piccoli stanno diventando sempre più bravi nell’uso dei dispositivi collegati a internet. Informare i tuoi figli sui potenziali rischi dell’uso di questi dispositivi e sul perché hai messo in atto specifiche restrizioni è un passo importante per tenerli al sicuro.

È difficile per chiunque, figuriamoci per un bambino, evitare i pericoli di cui non è a conoscenza.


Spiega cos’è il crimine informatico

Ovviamente, questo dipende in qualche modo dall’età dei tuoi figli, ma non c’è niente di male nello spiegare ai bambini le basi del crimine informatico. Più ne capiscono, meno è probabile che vengano ingannati a dare informazioni personali o a scaricare software pericolosi sul computer di famiglia.


Tieni i tuoi computer in una stanza comune

Mettere il computer in una stanza condivisa e assicurarti che lo schermo sia visibile è un modo semplice per monitorare le attività online dei tuoi figli e assicurarti che stiano accedendo solo a contenuti appropriati.

La semplice presenza di un adulto nella stessa stanza di solito è sufficiente per evitare che i bambini tentino di accedere a qualcosa a cui non devono essere esposti; e permette anche di monitorare le loro comunicazioni online.


Imposta una password sicura

Potrebbe sembrare un accorgimento semplice. Ma il fatto è che la maggior parte di noi non si preoccupa nemmeno di prestare attenzione alle semplici regole della sicurezza su internet. Impostare una password sicura su tutti i dispositivi connessi a internet non è un grande problema per la maggior parte di noi. E impedisce ai bambini più piccoli di accedere ai dispositivi quando non siamo in casa.

Se le numerose storie di bambini che hanno speso ingenti somme nei giochi o nel Google Play Store ci hanno insegnato qualcosa, è che i bambini di tutte le età sono sorprendentemente abili nell’uso della tecnologia. Come genitori dobbiamo tenerne conto.


Stabilisci un limite di tempo

Internet è un’eccellente fonte di formazione e intrattenimento, ma passarci ogni ora del giorno non è certo salutare. Dai ai tuoi figli un limite di tempo per stare su internet. Saranno così incentivati a uscire fuori a giocare. Questa regola ti aiuterà anche a evitare l’accesso a internet in orari in cui non puoi vigilare sui tuoi figli.


Vieta upload e download delle foto

Laptop DownloadI predatori online spesso richiedono foto alle loro vittime. Iniziano chiedendo foto “innocue”; ma quando guadagnano la fiducia del bambino, iniziano a fargli pressione per ottenere immagini sempre più inappropriate.

Dì a tuo figlio di chiederti il permesso prima di inviare qualsiasi foto. Questa è un’altra misura di sicurezza che può aiutare a proteggerlo da comunicazioni inadeguate.


Ribadisci la regola del “Non parlare con gli sconosciuti”

Il vecchio detto “non parlare con gli sconosciuti” è appropriato per la comunicazione online come lo è nel mondo reale. Mentre i social media sono un canale eccellente per i giovani adulti di comunicare e connettersi con altre persone, i bambini più piccoli dovrebbero essere scoraggiati dal parlare online con utenti estranei alla loro cerchia di amici esistente.


Aggiorna le regole man mano che i tuoi figli crescono

I bambini cambiano man mano che crescono. Diventando più maturi e responsabili. Le restrizioni che avevano senso quando erano piccoli possono diventare inutili quando si trasformano in giovani adulti.

Il modo migliore per tenere i bambini al sicuro senza ostacolarli troppo mentre crescono è quello di aggiornare le regole nel tempo. Di seguito, ecco alcune linee guida suggerite che manterranno i bambini di diverse fasce d’età al sicuro mentre si divertono su internet.


Fino a 5 anni

  • Stabilisci subito dei limiti all’uso di internet. Quando i bambini sono piccoli è il momento migliore per abituarli alle restrizioni e ai limiti di tempo per l’uso di internet.
  • Comunica le tue regole per l’uso di internet alle altre persone e realtà che si occuperanno di tuo figlio. Se i nonni, la scuola, il doposcuola e la babysitter adottano tutti le stesse regole sarà molto più facile tenere al sicuro tuo figlio mentre usa internet.
  • Acquista un dispositivo specificamente progettato per l’uso da parte dei bambini con 5 anni o meno. Questi dispositivi si connettono a internet, ma includono controlli rigorosi sull’uso di internet, controlli parentali programmabili e sono spesso molto più robusti di un normale iPad.
  • Controlla con il tuo Internet Service Provider (ISP) per vedere se ha un controllo parentale integrato che puoi attivare. Ormai la maggior parte degli ISP offre una serie di controlli parentali, anche se a volte un po’ basilari nelle loro funzioni.
  • Un’altra opzione è quella di installare un software di controllo parentale di terze parti. Questi programmi sono generalmente più sofisticati e permettono di controllare meglio i contenuti a cui i bambini possono accedere online e gli orari in cui possono accedervi.
  • Se stai usando i controlli parentali integrati del tuo ISP, sappi che questi non funzioneranno se tuo figlio sta usando un dispositivo connesso al Wi-Fi gratuito spesso offerto in posti come le grandi catene di caffè.
  • Scarica solo giochi, app e media a cui è stata assegnata una classificazione appropriata per l’età di tuo figlio. Inoltre, assicurati di testare o vedere quei contenuti multimediali prima di permettere a tuo figlio di utilizzarli.

Da 6 a 9 anni

  • Per questa fascia di età, può essere necessario impostare il controllo parentale su una gamma più ampia di dispositivi. Infatti tuo figlio è abbastanza grande da usare console di gioco, smart TV e persino gli orologi in grado di accedere a internet, che possono avere funzioni di messaggistica integrate.
  • Se non sei in grado di abilitare il controllo parentale su un dispositivo e ti preoccupa l’uso che tuo figlio può farne, assicurati che il dispositivo sia installato in una stanza comune e non nella stanza da letto del bambino.
  • Discuti con i tuoi figli dei principi fondamentali della sicurezza in internet e concorda con loro una lista di siti web che possono visitare. Spiega chiaramente quali informazioni non dovrebbero dare online, come il loro nome e cognome, l’indirizzo di casa o l’indirizzo della loro scuola.
  • Collabora con altri genitori per stabilire delle linee guida ragionevoli per l’uso di internet che possano essere applicate a tuo figlio e al suo gruppo di amici. Regole uguali per tutti sull’accesso a internet hanno maggiori probabilità di essere accettate dai bambini. Un altro vantaggio è che non dovrai preoccuparti quando sono con i loro amici.
  • Guarda le specifiche dei dispositivi che acquisti per tuo figlio. Il modo migliore per assicurarti che acceda a internet solo come e quando vuoi tu è sapere esattamente attraverso quali dispositivi è in grado di accedere a internet.

Da 10 a 12 anni

  • Parla con i tuoi figli dei rischi dell’uso dei social media. Spiega loro quali informazioni bisogna evitare di divulgare. Avvisali che in nessun caso dovranno inviare foto di sé a chiunque ne faccia richiesta senza prima ottenere il tuo permesso.
  • Fai sapere a tuo figlio che deve segnalarti immediatamente qualsiasi comportamento sospetto o contatto inappropriato. Se tuo figlio ti segnala comunicazioni inappropriate, non esitare a contattare la polizia.
  • Assicurati che tuo figlio sia a conoscenza che deve custodire gli oggetti come cellulari, tablet e smartwatch in un posto sicuro quando non è a casa. Questo ridurrà al minimo il rischio di perdita o furto.
  • Le piattaforme di social media come Facebook e YouTube prevedono un limite di età minimo di 13 anni. Questo limite esiste per un motivo e dovresti assicurarti che i tuoi figli lo rispettino. Alcune piattaforme permettono ai bambini di iniziare a usare i social media in modo sicuro, come Facebook Messenger Kids.
  • In questa fascia di età, è ragionevole che tu abbia accesso a tutte le credenziali di accesso dei tuoi figli e sia in grado di controllare le loro attività online, nonché i messaggi che inviano e ricevono.

13 anni e più

  • Nella fase in cui inizia ad essere un giovane adulto, è ragionevole che tuo figlio ottenga un certo grado di autonomia. Quando ha questa età dovreste collaborare insieme per garantire la sua sicurezza online. Parlagli di questo argomento e offrigli le informazioni di cui ha bisogno per stare al sicuro.
  • Tieniti al passo con le specifiche dei più recenti dispositivi abilitati a internet, piattaforme di social media e app mobili. Più ne sai, più sarai in grado di garantire la sicurezza di tuo figlio.
  • Una volta che tuo figlio raggiunge la pubertà, fagli sapere che è giusto che faccia ricerche su argomenti come salute, benessere, immagine corporea e sessualità. Esamina i controlli parentali per assicurarti che riflettano la crescente maturità di tuo figlio e le informazioni a cui ha bisogno di accedere. Ricordati di discutere questi argomenti con tuo figlio per assicurarti che non riceva informazioni false o fuorvianti online.
  • Discuti i pericoli inerenti il sexting e l’invio di immagini di sé stessi nudi ad altri.
  • Poiché tuo figlio ha ora accesso legale ai siti di social media come Facebook e YouTube, discuti con lui il concetto di cyberbullismo. Sottolinea anche che comunicare su internet non garantisce la sicurezza o l’anonimato.
  • Discuti con tuo figlio le basi del crimine informatico. Dagli le informazioni necessarie per identificare ed evitare le truffe di phishing, la divulgazione di dati personali sui social media e il download di software sospetti.
  • Sii consapevole delle conseguenze legali e delle sanzioni previste in caso di plagio e violazione del copyright, e assicurati che anche tuo figlio ne sia al corrente.

Come usare i software di controllo parentale

Una delle opzioni che abbiamo menzionato in questo articolo è l’uso di un software di controllo parentale. Alcuni strumenti di parental control sono incorporati nel sistema operativo dei dispositivi, altri sono disponibili attraverso gli ISP e altri ancora consistono in programmi di terze parti.

L’uso di un software di controllo parentale può agevolarti notevolmente nel mantenere i tuoi figli al sicuro online e limitare il loro accesso alle parti più oscure di internet. I programmi giusti possono svolgere gran parte del lavoro pesante per te, filtrando i contenuti a cui i tuoi figli possono accedere, limitando gli orari in cui possono usare internet, e permettendoti di monitorare le loro comunicazioni e profili dei social media.

La scelta su quale software di controllo parentale usare può essere piuttosto impegnativa. Per semplificare il più possibile le cose, ti mostreremo come abilitare i controlli parentali forniti dal tuo ISP, o integrati nel tuo sistema operativo. Inoltre, analizzeremo i vantaggi e le opzioni dei software di controllo parentale.


Controlli ISP integrati

Oggi la maggior parte degli ISP offre un’opzione di controllo parentale. Si tratta spesso di opzioni piuttosto basilari, che usano filtri con keyword per impedire agli utenti di accedere ai siti web di una blacklist con contenuti inappropriati, ad esempio di violenza o pornografia.

Il modo migliore per abilitare il filtraggio dei contenuti da parte del tuo ISP è contattarlo direttamente per parlare dei dettagli del servizio che offre e delle tue esigenze.

Bisogna osservare che spesso il filtro delle keyword e il filtro DNS si possono aggirare con l’uso di siti web proxy o di un altro browser. Si tratta di metodi apparentemente complicati, ma metti in conto che i tuoi figli siano abbastanza esperti di tecnologia per attuarli.

Inoltre, i controlli degli ISP non filtrano i contenuti a cui si accede dai dispositivi mobili — a meno che il tuo ISP non ti fornisca anche il servizio di banda larga mobile.


Controlli integrati nel sistema operativo

I singoli sistemi operativi, come Android, Microsoft Windows e iOS/macOS, hanno controlli parentali integrati che sono generalmente più complessi ed efficaci di quelli offerti dal tuo ISP. Hanno anche il vantaggio di essere gratuiti! Se non hai ancora attivato i controlli parentali, ecco una breve guida per attivarli sui sistemi operativi più popolari.


Android

  • Android Telefono MobilePer abilitare i controlli parentali su un dispositivo Android, accedi alle “Impostazioni” e poi scorri verso il basso fino all’opzione “Utenti”.
  • Quindi aggiungi un nuovo utente e tocca l’opzione “Restrizioni” quando richiesto. Sarai anche invitato a creare un pin, una password o una procedura per accedere al dispositivo.
  • Una volta creato l’utente con restrizioni, potrai concedere o disattivare l’accesso a tutte le app e servizi di geolocalizzazione del dispositivo Android. Tuo figlio potrà accedere al dispositivo senza password, ma solo sull’account con restrizioni.

Windows 10

  • Per accedere alle impostazioni di controllo parentale di Windows 10, basta che digiti “Opzioni famiglia” nella barra di ricerca sotto il menu Start.
  • Dalla pagina delle Opzioni famiglia, sarai in grado di impostare limiti di tempo e orari per l’uso di internet e del computer. Puoi anche bloccare i contenuti inappropriati, creare una lista nera di siti web e persino aggiungere denaro all’account Microsoft del bambino per consentirgli di acquistare giochi e media adatti alla sua età senza bisogno dei tuoi dati di pagamento.
  • Il filtro dei contenuti e le opzioni SafeSearch funzionano solo se tuo figlio usa il browser Microsoft Edge.
  • Dovrai configurare un account Microsoft per tuo figlio per poter trarre pieno vantaggio dalle opzioni della famiglia Windows. Sarai in grado di monitorare le attività internet di tuo figlio e ottenere aggiornamenti regolari su queste attività da Microsoft.
  • Uno dei vantaggi significativi dell’uso delle Opzioni famiglia di Windows è che queste si estendono ad altri dispositivi Microsoft, come i telefoni Windows e la gamma di console di gioco Xbox.

macOS

  • Per attivare i controlli parentali su un Mac, prima accedi alla scheda “Preferenze di sistema” cliccando sul logo Apple situato nell’angolo in alto a sinistra del desktop.
  • Vedrai un’opzione contrassegnata come “Controlli censura”, e una volta cliccato su quell’opzione ti verrà presentata una notifica che dice “Non ci sono account utente da gestire”.
  • Segui le istruzioni per aggiungere un nuovo utente gestito.
  • Una volta che il nuovo utente per tuo figlio è stato aggiunto, sarai in grado di controllare il suo accesso a determinate applicazioni, scegliere quali Apple Store può usare, impostare limiti di tempo per l’utilizzo del tuo Mac, e anche disattivare l’accesso a funzioni come il microfono o la webcam integrata.
  • Potrai anche impostare controlli per filtrare i siti web a cui il bambino ha accesso, anche se questo filtro dei contenuti funziona solo se si accede a internet attraverso il browser Safari.

iOS

  • Per impostare il controllo parentale su un dispositivo iOS, come un iPhone, vai alla scheda “Impostazioni” e poi tocca “Tempo di utilizzo”.
  • Tocca “Continua” e poi scegli l’opzione “Questo iPhone appartiene a un bambino”.
  • Ti verrà quindi richiesto di inserire il “Codice genitore” se questo è il telefono di tuo figlio o un codice “Tempo di utilizzo” se questo è il tuo dispositivo e stai permettendo a tuo figlio di usarlo.
  • Una volta che il “Tempo di utilizzo” è impostato, sarai in grado di impedire gli acquisti su iTunes e App Store, limitare l’accesso alle app e alle funzioni integrate, impedire la visualizzazione di contenuti espliciti e con determinate valutazioni, impedire la visualizzazione di determinati contenuti web, limitare la ricerca sul web con Siri e limitare l’accesso al Game Center.

Software di controllo parentale di terze parti

I controlli parentali integrati offerti dagli ISP e da specifici sistemi operativi hanno il vantaggio di essere gratuiti e ragionevolmente facili da impostare. Tuttavia, presentano anche alcuni aspetti negativi.

Il filtraggio dei contenuti tende a essere relativamente basilare e non universale. La maggior parte dei software di controllo parentale integrati ha restrizioni che funzionano solo sui browser che vengono forniti con il sistema operativo, come Edge o Safari.

Alcune opzioni di controllo parentale si estendono a una determinata serie di dispositivi. Tuttavia, la maggior parte delle famiglie moderne ha una varietà di dispositivi che operano su sistemi operativi diversi. Di conseguenza dovrai usare molteplici opzioni di controllo parentale. Questo può crearti confusione e lasciare potenzialmente delle lacune nelle tue restrizioni.

Una soluzione a questi problemi è usare un software di controllo parentale di terze parti. La scelta è piuttosto vasta.

Per agevolarti, elenchiamo qui di seguito i più importanti requisiti da ricercare in un software di controllo parentale.


Supporto di vari dispositivi

Uno dei vantaggi significativi dell’utilizzo di una soluzione di terze parti è che molte di esse offrono applicazioni che possono essere installate su una vasta gamma di dispositivi. Questo significa che è possibile utilizzare un unico set di restrizioni su tutti i dispositivi della tua famiglia senza dover utilizzare una serie di diversi sistemi di controllo parentale.


Filtraggio dei contenuti

Poiché non sono legati a un sistema operativo specifico, i programmi di controllo parentale di terze parti hanno la capacità di filtrare le ricerche su internet, le pagine web e i contenuti su una serie di browser. Molti di essi includono anche il filtraggio sicuro HTTPS, che offre una maggiore protezione durante la navigazione.

Il software di controllo parentale può anche essere usato per impedire il download di programmi sospetti o app specifiche. Questa è la soluzione ideale per evitare il malware e impedire a un bambino di accedere alle app di messaggistica e social media.


Limiti di tempo

La maggior parte delle applicazioni di controllo parentale ti permetterà di impostare un limite di tempo giornaliero o settimanale per l’uso di internet e del computer. Alcuni software bloccheranno anche l’accesso a certe applicazioni in alcuni orari, il che è ottimo per assicurarti che tuo figlio stia facendo i compiti o dormendo anziché giocare a Candy Crush.


Messaggistica e monitoraggio dei social media

Questa opzione diventa meno utile quando il bambino cresce e merita un po’ di privacy. Tuttavia, il monitoraggio della messaggistica e dei social media è molto utile per controllare i bambini più piccoli al loro primo approccio con i social media. Aiuta a prevenire il cyberbullismo e i contatti inappropriati.


Gestione notifiche e accessi da remoto

Potresti essere fuori casa quando tuo figlio ha bisogno di un’estensione del suo tempo limite per finire un compito importante. Oppure, tuo figlio può dover accedere a un servizio di messaggistica mentre è lontano da casa.

Le opzioni di gestione notifiche e accessi da remoto ti permettono di controllare dal telefono le restrizioni imposte dal programma di controllo parentale. Potrai rispondere alle richieste di accesso esteso, oppure attivare funzioni come la geolocalizzazione in caso di emergenza.


Circle With Disney

L’idea di installare un’app su ogni dispositivo che la tua famiglia possiede non ti piace? Se vuoi comunque più protezione di quanto i controlli parentali integrati offerti dal tuo ISP o sistema operativo possano fornire, allora non preoccuparti. C’è una terza opzione.

Circle with Disney è un dispositivo che si colloca tra il router Wi-Fi di casa tua e tutti i dispositivi ad esso collegati. È interessante notare che Circle with Disney utilizza lo spoofing ARP in un modo molto simile a quello che ci si aspetterebbe da un attacco hacker “man-in-the-middle”, ma utilizza questa tecnica per migliorare la sicurezza della tua famiglia.

Posizionandosi tra tutti i dispositivi della tua famiglia e il tuo router, Circle with Disney è in grado di filtrare selettivamente il traffico per bloccare l’accesso a contenuti, siti web e singole app.

I genitori possono usare l’app Circle per raggruppare i dispositivi sotto specifici membri della famiglia. Questo permette di impostare limiti di tempo su una serie di dispositivi. Se tuo figlio può accedere a internet solo per quattro ore al giorno, quelle quattro ore vengono monitorate sul suo telefono, tablet, laptop o console di gioco.

Oltre a permetterti di imporre limiti di tempo, l’applicazione ti permetterà di negare selettivamente l’accesso a internet a dispositivi specifici. È anche possibile controllare quanto tempo determinate app sono connesse a internet. Questo è l’ideale per limitare l’accesso di tuo figlio ai social media o ai giochi o anche per spegnere la connessione a internet per tutti i dispositivi.

Anche se non offre molto più di altri programmi di controllo parentale, Circle with Disney ha il vantaggio di essere un’opzione “tutto compreso”. Senti che configurare in modi differenti più app su una serie di dispositivi ti condannerebbe a una sorta di inferno tecnologico? Allora Circle with Disney è per te. Si tratta di un’opzione semplice e lineare, che anche il genitore più lontano dalla tecnologia può usare per garantire la sicurezza online dei suoi figli.


Considerazioni conclusive

Internet è una risorsa straordinaria. È talmente radicata nella nostra società che è quasi impossibile non utilizzarla. Tuttavia presenta i suoi rischi. Oltre a essere il colossale deposito di quasi tutta la conoscenza umana (e di video divertenti di gatti), internet è anche il terreno di caccia di predatori, criminali, cyberbulli, e contenuti che nessuno sano di mente vorrebbe mostrare a un bambino.

Vietare a tuo figlio l’accesso a internet può sembrare la cosa giusta, ma è per lo più controproducente. La soluzione migliore per mantenere tuo figlio al sicuro online è unire comunicazione, formazione e alcune restrizioni ragionevoli.

Non c’è niente di male nell’impedire ai bambini di accedere a contenuti che non sono abbastanza grandi da poter affrontare. Tuttavia, man mano che tuo figlio cresce e matura, le regole sull’uso di internet dovranno evolversi con lui. Ciò che funziona per un bambino di 5 anni sarà causa di attrito con un adolescente.

Fortunatamente non sei da solo. C’è in giro un numero considerevole di risorse per documentarti sui pericoli presenti in internet e su come combatterli. Tu e tuo figlio dovete tenervi informati; questo è uno dei fattori critici per preservare la vostra sicurezza online. Del resto non si possono evitare i pericoli che non si conoscono.

Esiste anche una gamma di soluzioni tecnologiche che aiutano a mantenere la tua famiglia digitalmente sicura. Si va dalle opzioni integrate nel tuo iPhone a piccoli gadget intelligenti forniti dalla Disney. Usando la vasta gamma di controlli parentali a tua disposizione, puoi impostare limiti di orario e di utilizzo, filtrare i contenuti a cui tuo figlio può accedere sul web, monitorare le sue comunicazioni e persino bloccargli del tutto internet.

Malgrado l’utilità di queste opzioni di controllo parentale, comunque il modo migliore per preservare la sicurezza di tuo figlio in internet è renderlo consapevole dei pericoli e mantenere una linea di comunicazione aperta con lui.

Coinvolgerlo nella discorso della sicurezza in internet significa che entrambi lavorerete per lo stesso obiettivo. Saprà che può venire da te e porti delle domande. Riuscirà a parlarti di qualsiasi cosa lo abbia turbato online. Questo ti permetterà di giocare un ruolo più attivo nel proteggere la sua sicurezza.

Scopri di più su come mantenere i tuoi figli al sicuro online con questi articoli:

International security coordinator
Marko has a Bachelor's degree in Computer and Information Sciences. He coordinates and manages VPNOverview.com's team of international VPN researchers and writers.