What is the Dark Web

Dark web: cos’è esattamente e cosa si trova al suo interno?

Ultima modifica: 30 Aprile 2020
Tempo di lettura: 18 minuti, 46 secondi

Forse avrai sentito parlare del dark web. Di solito viene descritto come la parte “occulta” e pericolosa di internet, dove hanno luogo affari loschi di ogni genere. La maggioranza degli utenti di internet non frequenta mai o quasi mai il dark web. Ciò è comprensibile, perché alcune sue parti non sono assolutamente sicure. Sei curioso di saperne di più? Questo articolo ti dirà tutto quello che devi sapere sul dark web e su come accedervi restando protetto.

Prima di tutto, ti spiegheremo cos’è esattamente il dark web e cosa avviene al suo interno. Poi ti parleremo delle VPN, del browser Tor e di come questi strumenti siano essenziali per navigare nel dark web. Dopodiché ti forniremo una guida rapida, che potrai usare per accedere al dark web in modo relativamente sicuro. Se vuoi davvero rimanere protetto, abbiamo creato un piano completo in 16 step per navigare in modo sicuro nel dark web. Assicurati di prendere tutte le precauzioni suggerite prima di accedere. Infine, scoprirai che visitare il dark web è legale ma alcune sue pratiche non lo sono.

Attento alla sicurezza nel dark web!

Accedere al dark web è molto facile, ma lo è altrettanto finire in guai seri frequentandolo. Pertanto è importante che tu sia sempre attento alla tua sicurezza e privacy online.  Ti consigliamo vivamente di utilizzare una VPN per crittografare e anonimizzare tutto il tuo traffico in internet. Oltre a questo, assicurati sempre di avere un software antivirus aggiornato sul tuo dispositivo. In questo modo sarà più difficile intercettare i tuoi dati, monitorare le tue azioni online o infettare il tuo computer. Una VPN ti proteggerà quando navighi nel web di superficie, nel deep web e anche quando vuoi andare alla scoperta del dark web. Con essa, il tuo internet provider, le autorità governative e gli hacker avranno più difficoltà a capire cosa stai facendo online.

Un’eccellente VPN per il dark web: NordVPN

NordVPN è un provider VPN di alta qualità che consente di proteggere più dispositivi simultaneamente. Offre una crittografia forte e una serie di misure di sicurezza aggiuntive tra cui scegliere. Perciò NordVPN è un ottimo provider da utilizzare quando ci si avventura nel dark web. Offre anche un buon servizio di assistenza clienti ed è molto facile da usare. Leggi tutto su questo provider nella nostra recensione completa di NordVPN.

NordVPN
Promozione:
Solo 3,10 € al mese per un abbonamento di 3 anni
9.1
  • Eccellente protezione e vasta rete di server
  • App bella e piacevole
  • Non conservazione dei log
Visita NordVPN

Cos’è il dark web?

Internet è spesso descritto come composto da tre parti: il web di superficie o “surface web”, il deep web, letteralmente “web sotterraneo”, e il web oscuro o “dark web”. Il web di superficie è quello che la maggior parte di noi usa ogni giorno. È accessibile attraverso i normali browser come Chrome, Safari e Firefox. Questo stesso articolo ne fa parte: puoi accedervi ovunque e in qualsiasi momento, purché tu disponga di una connessione internet e di un browser.

Il deep web è la parte di internet che ospita informazioni molto specifiche. La maggior parte di noi non ha accesso a tali informazioni, che non sono accessibili nemmeno attraverso i motori di ricerca. Per lo più, si tratta di pagine e database destinati solo a un gruppo specifico di persone nell’ambito di un’organizzazione.  Per potervi accedere, devi conoscere l’indirizzo web esatto (URL). In alcuni casi, è necessaria anche una password. Esempi di pagine del deep web sono alcune banche dati di biblioteche universitarie, studi e riviste accessibili solo agli abbonati o la timeline del tuo account privato su Facebook.

Infine, c’è quella parte di internet chiamata dark web. È più difficile da raggiungere rispetto al web di superficie e sotterraneo, poiché è accessibile solo attraverso browser speciali come il browser Tor. Il dark web è la parte non regolamentata di internet. Nessuna organizzazione, impresa o governo ne è responsabile o è in grado di applicare delle regole al suo interno. Proprio per questo motivo la “rete oscura” è comunemente associata a pratiche illegali. È impossibile raggiungere il dark web attraverso un browser “normale”, come Google Chrome o Egde. Nel browser Tor non è possibile trovare siti della rete oscura con estensione .com o .org. Piuttosto, gli URL consistono generalmente in un mix casuale di lettere e numeri con estensione .onion. Inoltre nella darknet gli URL dei siti web cambiano regolarmente.

Dark Web Surface Web Graphic Iceberg

Perché e in che modo è nato il dark web?

Il dark web non è stato creato da criminali che volevano un modo anonimo di comunicare. In realtà, è stato sviluppato dal governo degli Stati Uniti. Ma in che modo è successo?

Comunicazioni di spionaggio

Agenti di diverse “agenzie di tre lettere” come la CIA erano di stanza in molti luoghi lontani. C’era una vera e propria rete globale di spie americane che raccoglievano informazioni e intelligence per gli Stati Uniti. Nel corso degli anni Novanta, le informazioni sono diventate sempre più digitalizzate e non c’era più bisogno che queste spie trasmettessero i loro rapporti attraverso mezzi di comunicazione antiquati come radio e lettere. Con internet e le nuove tecniche crittografiche, improvvisamente era possibile inviare tutte le informazioni via web. Intorno al 1995, il Laboratorio di Ricerca Navale degli Stati Uniti ha avviato un programma che poi sarebbe diventato Tor (The Onion Router). Con Tor, le agenzie avevano una linea di comunicazione crittografata con i loro agenti sul campo.

Anonimato per tutti

anonymous

Intorno al 1997 il progetto è passato alla DARPA (“Defense Advanced Research Project Agency”), che a sua volta lo ha ceduto a diversi gruppi per i diritti civili. Ora la domanda naturalmente è: perché il governo avrebbe dovuto cedere questa tecnica e questa rete a gruppi di difesa dei diritti civili? Alcuni credono che Tor non sia stato mai abbandonato realmente dal governo americano.

Un’altra spiegazione è che la rete anonima doveva essere aperta — per poter essere utilizzata da qualsiasi agente americano, in qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento. Ma ciò la avrebbe resa vulnerabile alle infiltrazioni. Inoltre, l’utilizzo esclusivo da parte degli agenti dei servizi segreti americani avrebbe fatto diventare molto preziosa qualsiasi comunicazione estratta dal suo interno. Perciò era preferibile aprire Tor a molte altre persone. Così, le comunicazioni dei servizi segreti sarebbero state sommerse da un mare di comunicazioni non governative; tutti sarebbero rimasti anonimi e gli agenti americani avrebbero potuto usare la rete per trasmettere i propri rapporti.

Perché il dark web non viene chiuso?

Da quando la rete Tor divenne disponibile a chiunque purché provvisto di una connessione internet, si arricchì di un numero crescente di server in tutto il mondo. Perciò la rete divenne molto più decentralizzata. Per ogni connessione che si aggiungeva in un nuovo paese, la giurisdizione statunitense su internet si restringeva. Il potere di una rete risiede nel fatto che è impossibile disattivarla da una sola delle sue posizioni. Di fatto, con la disattivazione negli Stati Uniti la rete non cesserebbe di esistere.

Chiudere completamente la rete è impossibile per qualsiasi Stato, ma non solo. Gli Stati Uniti traggono vantaggio dalla sua presenza — benché ospiti anche attività illegali. Viene ancora utilizzata come canale per le comunicazioni segrete delle agenzie di intelligence. È anche uno dei migliori strumenti a disposizione degli attivisti politici per contrastare e denunciare gli Stati autoritari, verso cui gli Stati Uniti sono molto critici. Che si tratti del Venezuela o dell’Iran, gli Stati Uniti sono contenti che la gente abbia uno strumento come Tor per rendere la vita più difficile a quei regimi. Naturalmente la stessa possibilità vale anche contro gli Stati Uniti, come si è reso evidente con la nascita di Wikileaks e le attività di denuncia di Snowden.

Insomma, il dark web può essere vantaggioso e pericoloso allo stesso tempo. Poiché è utile sotto molti aspetti, il governo degli Stati Uniti non vuole chiuderlo. E anche se lo facesse, dovrebbe cercare di chiuderlo nella sua interezza ottenendo l’adesione e la collaborazione di decine di paesi — che peraltro non hanno alcun interesse a cooperare con gli Stati Uniti. Quello che le autorità nazionali sono in grado di fare è cooperare per chiudere certi siti e perseguire legalmente i loro proprietari, amministratori, utenti, ecc. Spesso, quando un sito del dark web viene chiuso, questo è il frutto della collaborazione di più agenzie. Per esempio, se il Dipartimento di Giustizia americano volesse chiudere un mercato nero di marijuana nei Paesi Bassi, ciò richiederebbe la cooperazione della polizia olandese, dell’Europol e magari anche di altre agenzie e autorità. L’immagine seguente mostra il numero di agenzie coinvolte nel sequestro di un mercato nero.

Dark Market closed down

La rimozione di questo particolare sito web ha richiesto la collaborazione di almeno dieci diverse agenzie di quattro paesi diversi. Il fatto che tutte queste agenzie abbiano dovuto cooperare per chiudere il sito dimostra quanto possa essere difficile chiudere una parte del dark web. Figuriamoci quindi quale sforzo richiederebbe chiuderlo tutto!

Accedere al dark web

Se vuoi visitare il dark web, devi tenere presente che può essere pericoloso farlo senza prendere le giuste precauzioni. Noi abbiamo creato una guida ricca di consigli e trucchi per accedere al dark web nel modo più sicuro possibile. Qui sotto troverai una versione di questa guida ridotta all’essenziale. Ricorda che i seguenti passaggi ti terranno abbastanza al sicuro, ma non ti faranno assolutamente restare anonimo.

  • Installa e attiva una VPN (noi ti consigliamo NordVPN) sul tuo dispositivo
  • Assicurati di avere un software antivirus aggiornato sul tuo dispositivo
  • Scarica e installa il browser anonimo Tor
  • Avvia il browser Tor
  • Assicurati di aver vietato l’esecuzione degli script nel browser Tor
  • Opzionale: modifica le impostazioni di sicurezza in Tor
  • Naviga nel dark web, per esempio partendo da the Hidden Wiki. Il link è http://zqktlwi4fecvo6ri.onion/wiki/index.php/Main_Page

Infine, prima di entrare nel dark web, ricorda che può essere un luogo molto pericoloso. Prendi sul serio i nostri avvertimenti e non rendere facile a malware e hacker violare il tuo dispositivo! Se vuoi essere sicuro di avere la migliore protezione possibile, segui la nostra guida per il dark web.

Cos’è Tor

Tor è l’acronimo di “The onion router”(letteralmente, “router a cipolla”). È un software open-source gratuito che funziona come un browser. A differenza di browser come Chrome, Firefox e Edge però, Tor mira a mantenere l’anonimato degli utenti. E per far sì che ciò avvenga, canalizza le attività internet degli utenti attraverso diversi indirizzi IP / host paragonabili agli strati di una cipolla. Le tue ricerche viaggiano attraverso questa rete di nodi. A ogni nodo, una parte della crittografia viene rimossa. Infine le tue informazioni giungono sul sito web prescelto. Questo processo di routing “a cipolla” ha lo scopo di mantenere anonimo l’utente.

Tor Network Nodes Italian

Il browser Tor viene utilizzato per accedere al dark web. Come abbiamo detto, questo è il modo più semplice per raggiungere gli URL con il suffisso .onion. Il suffisso fa riferimento al routing a cipolla che Tor utilizza per garantire la navigazione anonima: la crittografia avviene a strati, proprio come gli strati di una cipolla. I siti web possono decidere di utilizzare un dominio .onion perché non vogliono che tutti sappiano della loro esistenza. Questo magari solo perché vogliono avere un carattere esclusivo, oppure perché offrono contenuti discutibili o illegali.

Tor può dare accesso a tutto il web, indipendentemente dal fatto che i siti web siano o meno regolamentati. Anche se può essere utilizzato per accedere al dark web, la maggior parte dei suoi utenti rimane comunque nel web di superficie. In altre parole: Tor è usato soprattutto per anonimizzare la navigazione online, ma è anche la strada principale per accedere al dark web. Per maggiori dettagli al riguardo visita la nostra pagina dedicata al browser Tor.

In breve, l’utilizzo del browser Tor (o di un analogo browser anonimo) è necessario per accedere al dark web e contribuisce anche a renderti più anonimo in internet. Il tuo indirizzo IP, ad esempio, rimane nascosto. Tieni comunque presente che il browser Tor non è infallibile. Per questo motivo è sempre consigliabile avere anche una VPN in funzione.

Prima Tor o una VPN?

Forse non ci hai pensato, ma c’è differenza se ti connetti prima a Tor o a una VPN.

Il vantaggio extra di installare una VPN prima di entrare nella rete Tor sta nel fatto che il tuo internet provider o qualsiasi altra parte interessata (agenzie governative, hacker, ecc.) non saprà che hai effettuato l’accesso alla rete Tor, perché il tuo traffico internet è già crittografato. Purtroppo, il semplice fatto di voler accedere a una rete anonima come Tor è sufficiente per gettare sospetti su di te agli occhi di alcune realtà. E anche se la rete Tor è crittografata e anonima, questo non impedirà al tuo internet provider (o a chiunque altro ficchi il naso nel tuo traffico internet attraverso il tuo indirizzo IP) di sapere del tuo accesso a Tor. Questo ovviamente, a meno che tu non ti connetta prima a una VPN.

In alternativa, puoi fare l’abbonamento a una VPN tramite la rete Tor. Questo significherebbe accedere prima di tutto a Tor, poi dal browser Tor ad esempio al sito web di NordVPN per ottenere la VPN. In questo caso il vantaggio extra sarebbe non far sapere al tuo internet provider che hai interesse per un servizio VPN. Ma in base alla nostra esperienza, l’accesso alla rete Tor è di solito considerato molto più sospetto a causa della sua associazione con il dark web. Ecco perché consigliamo sempre di fare l’abbonamento a una buona VPN per prima cosa. Se sei interessato a maggiori informazioni sulle migliori VPN e su quale sia la VPN giusta per te, dai un’occhiata alle recensioni VPN sul nostro sito.

Dark Web Infographic Italian

The Hidden Wiki

La navigazione nel dark web può essere piuttosto difficoltosa, e iniziare da un sito web come the Hidden Wiki ti consente di orientarti. The Hidden Wiki ti indica i link a motori di ricerca e siti web, aiutandoti a navigare nel dark web. Insomma è un buon punto di partenza se non sai dove andare. Ci sono alcune categorie su the Hidden Wiki da cui dovresti tenerti alla larga. Fai sempre attenzione ai link che clicchi, anche a siti web che sembrano legittimi.

Puoi trovare the Hidden Wiki copiando il seguente URL nel tuo browser Tor: http://zqktlwi4fecvo6ri.onion/wiki/index.php/Main_Page. Gli indirizzi nel dark web cambiano costantemente, ma ci sono molti siti web di superficie che ti indicheranno l’URL aggiornato per questa particolare pagina.

Cosa accade nel dark web?

weapons online

È molto difficile capire esattamente cosa accada nel dark web. Come accennato in precedenza, è necessario conoscere URL specifici per arrivare alle pagine giuste. Ed è piuttosto difficile imbattersi nel sito web giusto, considerato che tutti gli indirizzi web sono combinazioni casuali di numeri e lettere. Inoltre ci sono un sacco di storie in circolazione sui servizi e sulle pagine più folli che si nascondono nel dark web. A quanto pare, l’ingaggio di sicari è solo uno dei possibili esempi. Non possiamo escludere che alcune di queste cose accadano realmente nel dark web. Tuttavia, la maggior parte delle voci che circondano il dark web (come i killer online o le red room) sono pura finzione. Ad esempio, un sito web di killer a pagamento chiamato Besa Mafia è sicuramente esistito, ma non ha mai colpito. Rubava solo soldi a dei creduloni del dark web che volevano vedere morto qualcuno. Comunque nel dark web sono disponibili molte altre cose discutibili, come la droga e le armi.

A causa dell’esistenza di così tanti siti web deprecabili, il dark web ha ottenuto una pessima reputazione. Spesso si crede che tutto ciò che accade nella rete oscura sia illegale. Questo non è vero. Il dark web è anche un rifugio sicuro per giornalisti, informatori e cittadini che vivono nei regimi dittatoriali. Inoltre, alcuni dei siti web più oscuri possono anche avere effetti collaterali positivi. Il nostro obiettivo è quello di adottare un approccio sfumato, evidenziando sia le conseguenze positive che quelle negative. Vogliamo solo che i nostri lettori siano al sicuro se decidono autonomamente di avventurarsi negli oscuri recessi del web.

Non possiamo fare affermazioni definitive, poiché il dark web è in continua evoluzione e rimane in gran parte nascosto a molti. Tuttavia, in generale, queste sono alcune delle cose che si possono trovare nel dark web:

  • Mercati neri
  • Siti web fraudolenti o comunque pericolosi
  • Servizi email, forum e altre forme di comunicazione anonima online
  • Botnet
  • Siti web di Bitcoin e criptovalute

Mercati neri

black market drugs

Il fenomeno del “mercato nero” è fiorito a partire dalla nascita di internet. Il dark web ospita molti mercati neri, dove è possibile vendere e acquistare ogni tipo di beni. L’esistenza di questi marketplace è illegale, anche se alcuni personaggi pubblici, scienziati e accademici ne hanno evidenziato alcuni effetti collaterali positivi.

Silk Road è stato uno dei primi mercati neri ad affermarsi nel dark web. Al suo interno gli utenti parlavano apertamente dell’uso di droga e caricavano le foto dei loro prodotti. Alla fine, il sito si era guadagnato il soprannome di “Ebay dei vizi”. Dopo diversi anni di indagini, le autorità statunitensi riuscirono a rintracciare l’amministratore del sito (Ross Ulbricht), che su Silk Road era noto con lo pseudonimo di “Dread Pirate Roberts”. Ulbricht fu arrestato a San Francisco nell’ottobre 2013 e il sito web fu chiuso.

Dopodiché, sono saltate fuori molte imitazioni di Silk Road. Oggi nel dark web c’è una quantità di mercati neri più alta che mai. Silk Road è stato il primo nel suo genere, ma ora ci sono molti altri siti che concorrono per affermarsi come il suo successore.

Siti web fraudolenti o comunque pericolosi

dangerous websites

Il dark web brulica anche di siti web ingannevoli e pericolosi. Ecco perché è importante che presti sempre attenzione, e che utilizzi una VPN e un buon software antivirus. Non cliccare mai su un link del dark web, se non sai dove ti porta. Il tuo computer può essere violato o infettato da malware prima ancora che realizzi cosa sta accadendo.

Tra l’altro il dark web ospita tutti i siti web che non sarebbero tollerati nel web di superficie a causa dei loro contenuti. Purtroppo, vi si possono trovare contenuti su argomenti come il maltrattamento degli animali o la pornografia infantile. Per questo può essere una cosa saggia stare alla larga da questa parte di internet.

Servizi email, forum e altre forme di comunicazione anonima

anonymous

Il dark web viene utilizzato anche per le comunicazioni anonime. Giornalisti e informatori possono sfruttare questi mezzi per trovare o svelare dati sensibili. Chi vuole denunciare un’azienda o un governo per un atto illegale può ricorrere al dark web per cercare di rimanere anonimo. I giornalisti possono usarlo per entrare in contatto con fonti anonime. Sia la rete WikiLeaks che gli informatori come Edward Snowden si sono avvalsi del dark web in passato per diffondere il loro messaggio.

Mentre le persone in questi esempi hanno agito in nome della libertà e della trasparenza di internet, non tutti hanno le stesse motivazioni. Criminali e terroristi possono sfruttare la comunicazione anonima nel dark web per cercare di sfuggire alle forze dell’ordine.

Botnet

Una botnet è una rete di dispositivi infetti che può essere gestita dall’hacker che li controlla. Spesso i dispositivi della rete vengono infettati senza che i loro proprietari ne siano consapevoli. L’hacker responsabile della botnet può utilizzare i dispositivi per diffondere virus, fare phishing cercando di ottenere informazioni private o favorire gli attacchi DDoS. Una botnet ha meno probabilità di essere scoperta, eliminata o rilevata se opera nel web oscuro. Nel dark web alcuni hacker vendono botnet create da loro. In cambio di molto denaro, puoi ottenere il controllo su una vasta rete di dispositivi infetti.

Siti web di Bitcoin e criptovalute

bitcoin

Se visiti il dark web, scoprirai che quasi tutto viene pagato con le criptovalute. Queste sono valute online che possono essere utilizzate in tutto il mondo. Per essere più precisi, le criptovalute sono beni digitali legati al valore di un libro mastro digitale decentralizzato come il protocollo blockchain. Ciò significa fondamentalmente che differiscono dalle valute ordinarie perché il loro valore e la cronologia dei trasferimenti sono visibili nella blockchain anziché tramite banche o altre istituzioni finanziarie. In realtà, sono beni digitali più che “valute” perché comunemente puoi scambiarle solo con beni online, e non fuori dalla rete. In ogni caso, grazie al metodo della blockchain, le criptovalute rendono possibili scambi anonimi — ideali per gli affari loschi nel dark web.

La più nota criptovaluta, il Bitcoin, viene utilizzata anche al di fuori della rete oscura. Tuttavia, recenti episodi dimostrano che potrebbe non essere una valuta così anonima come alcuni speravano. Anche altri tipi di criptovaluta sono molto popolari. Le nuove criptovalute cercano costantemente di aumentare la salvaguardia dell’anonimato dei loro utenti.

Il dark web è legale?

Lady Justice

In una parola: sì. Nella maggior parte dei paesi, l’uso del dark web e del browser Tor è legale. Tuttavia, se compi azioni illegali nel dark web, ciò è ovviamente illegale. Perciò sottolineiamo l’importanza di rispettare la legge vigente nel paese dove risiedi.

A parte questo, spesso si dimentica che il web scuro e il browser Tor sono solo strumenti per esercitare il diritto alla privacy e alla libertà di parola. Le Nazioni Unite hanno stabilito che la privacy è un diritto umano fondamentale. Ciò è stato affermato nei seguenti articoli:

  • Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti umani (UDHR) 1948, articolo 12
  • Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR) 1966, articolo 17
  • Convenzione americana sui diritti umani, articolo 11
  • Dichiarazione americana dei diritti e dei doveri dell’uomo, articolo 5
  • Convenzione europea dei diritti dell’uomo, articolo 8

In conclusione, nella maggior parte dei paesi navigare nel dark web non è illegale. Malgrado ciò, potrebbe farti apparire come una persona sospetta agli occhi delle forze dell’ordine locali. La maggior parte del materiale venduto nel dark web è illegale e ovviamente di tali articoli illegali è proibito l’acquisto. Dal momento che di solito questi beni si trovano solo nel dark web, chiunque navighi in questa parte di internet potrebbe acquistarli. Questo è il motivo per cui le autorità governative possono cercare di tenerti sotto controllo se visiti il dark web.

Anche se il dark web è legale nella maggior parte dei paesi, le attività illegali che regolarmente vi si svolgono lo rendono un posto equivoco. Insomma, può non essere il posto di internet migliore da frequentare se sei un cittadino onesto e rispettoso della legge.

Considerazioni conclusive

Desideriamo sottolineare che noi ti consigliamo di NON utilizzare il dark web senza aver prima adottato le misure di sicurezza adeguate. La curiosità è una cosa comprensibile, ma non vale la pena di esporsi ai pericoli legati a questa parte non regolamentata del web. In definitiva, il dark web è frequentato da criminali. Se proprio vuoi andarci, prendi sempre delle precauzioni. Un buon servizio VPN e un solido software anti-malware sono essenziali, anche se ti lasciano comunque esposto. Uno dei modi più sicuri per accedere al dark web è attenerti al nostro piano in 16 step. In definitiva, accedi al dark web a tuo rischio e pericolo. La curiosità è un bene, se non comporta dei rischi!

Dark web — FAQ

Hai bisogno di una risposta rapida a una domanda? Ecco alcune domande e risposte frequenti riguardo il dark web.

“Dark web” è un termine collettivo. Si riferisce all’insieme di siti web accessibili solo con il browser Tor. Questi siti web non sono accessibili tramite il “web di superficie”. Il dark web è spesso dipinto dai media come qualcosa di pericoloso, ma contiene anche siti web legittimi che trattano argomenti leciti.

Il web di superficie è l’insieme dei siti web che possono essere visitati attraverso browser come Google Chrome, Microsoft Edge e Mozilla Firefox. In breve, è internet così come questo è conosciuto dalla maggior parte delle persone.

Il deep web consiste in siti web accessibili solo con una password o con altri mezzi di autenticazione. Pensa alla tua casella email o alla tua pagina Facebook, ma anche ai file di lavoro in cloud. In alcuni paesi, il termine “deep web” è usato in riferimento al dark web.

Per accedere al dark web devi utilizzare il browser Tor. Si tratta di uno speciale browser che ti permette di visitare gli indirizzi .onion. Tali indirizzi .onion costituiscono il dark web.

Un indirizzo .onion è un indirizzo web accessibile solo utilizzando il browser Tor.

Tor è l’acronimo di “The onion router”. È uno speciale browser che ti permette di visitare i siti del dark web.

Nel dark web puoi trovare vari tipi di siti web. Si va dalle recensioni di libri e siti normali con l’estensione .onion (come i siti web di notizie) fino ai mercati di droga e ai siti pornografici.

Sì, il dark web è legale. Ma è possibile che alcuni siti web o alcuni contenuti di siti nel dark web siano illegali.

Analista della sicurezza informatica
David è analista della sicurezza informatica e uno dei fondatori di VPNOverview.com. Interessato al tema dell’identità digitale, con particolare attenzione al diritto alla privacy e alla protezione dei dati personali.

Altri articoli della ‘Navigazione anonima’ sezione

Commenti
Invia un commento
Invia un commento